Digitale

There are some fascinating closing dates in this article but I don’t know if I see all of them middle to heart. There may be some validity however I’ll take maintain opinion till I look into it further. Good article , thanks and we would like more! Added to FeedBurner as effectively

There are some fascinating closing dates in this article but I don’t know if I see all of them middle to heart. There may be some validity however I’ll take maintain opinion till I look into it further. Good article , thanks and we would like more! Added to FeedBurner as effectively

There are some fascinating closing dates in this article but I don’t know if I see all of them middle to heart. There may be some validity however I’ll take maintain opinion till I look into it further. Good article , thanks and we would like more! Added to FeedBurner as effectively

Hi friend! I had a great time with you at lunch on Saturday!! Amazing how God put us at the same place at the same time! I’ve been reading about your &#e120;hon8ymoon„ and the processes leading up to it. I think you must be speaking a different language, because I certainly didn’t understand it all!! I can’t wait to see your finished product. But I personally also liked your “armor”! Blessings to you!

Hi friend! I had a great time with you at lunch on Saturday!! Amazing how God put us at the same place at the same time! I’ve been reading about your &#e120;hon8ymoon„ and the processes leading up to it. I think you must be speaking a different language, because I certainly didn’t understand it all!! I can’t wait to see your finished product. But I personally also liked your “armor”! Blessings to you!

Hi friend! I had a great time with you at lunch on Saturday!! Amazing how God put us at the same place at the same time! I’ve been reading about your &#e120;hon8ymoon„ and the processes leading up to it. I think you must be speaking a different language, because I certainly didn’t understand it all!! I can’t wait to see your finished product. But I personally also liked your “armor”! Blessings to you!

Questo l’elenco dei libri su cultura digitale, internet e dintorni disponibili in catalogo al settembre 2016:

Offuscamento                        OFFUSCAMENTO. Manuale di difesa della privacy e della protesta.
Finn Brunton, Helen Nissenbaum, pp.164, 2016, 18€
Per Offuscamento s’intende l’aggiunta deliberata di informazioni ambigue, confuse e ingannevoli atte a interferire con la costante raccolta di dati personali da parte di autorità, imprese, inserzionisti, hacker e quant’altri. Scenari che, pur se specifici all’universo online, vanno ben oltre l’ambito digitale. A farne le spese sono privacy e dissenso, libertà d’espressione e di movimento. Proprio nell’era della (cyber)sorveglianza diffusa e dell’avvento indiscriminato dei Big Data, ciascuno di noi deve poter ricorrere a strumenti di autodifesa per rettificare queste “asimmetrie dell’informazione” e quantomeno ridurre il potere del controllo esterno.
Senza proporre inutili barricate e mutuando da vari esempi sul campo (dalla Seconda Guerra Mondiale alle lotte contro l’apartheid sudafricano, dai Twitter-bot al software di camuffamento), questo manuale di autodifesa sintetizza le molteplici applicazioni delle odierne strategie di offuscamento, chiarendone le basi teorico-filosofiche e i potenziali risultati concreti in rapporto all’avversario. E soprattutto, rivendicando l’importanza sociale dell’offuscamento come ulteriore strumento a tutela della privacy, della libertà e del dissenso nell’epoca digitale.
Dettagli & acquisto — Scarica la prefazione di Antonio Sgobba (giornalista) — Anticipazione e stralci su Wired.it
DEEP WEB – LA RETE OLTRE GOOGLE                                           DEEP WEB: LA RETE OLTRE GOOGLE. Personaggi, storie, luoghi dell’internet profonda.
Carola Frediani, pp.192, 2016, 15€
Quattro fotografie di ciò che è internet, ma vive al di sotto della superficie in cui la maggior parte delle persone naviga. Cosa si nasconde in questo mondo alternativo ai percorsi ufficiali? Quali risorse – o minacce – garantiscono o attentano alla sicurezza dei cittadini? Un viaggio fra i protagonisti di un mondo sconosciuto ai più, dove droga, truffe, furti telematici, convivono assieme a libertà di pensiero, attivismo informatico, idee. Un racconto-inchiesta aggiornato che parla della libertà che ci è concessa, della sicurezza che i nostri dati hanno e di altri modi possibili di vivere una rete diversa, non omologata, pericolosa e alternativa.
Dettagli & acquisto — Scarica la prefazione di Massimo Russo (condirettore de La Stampa)
I MILLE VOLTI DI ANONYMOUS                      I MILLE VOLTI DI ANONYMOUS. La vera storia del gruppo hacker più provocatorio al mondo.
Gabriella Coleman, pp.480, 2016, 24€
Balzato agli onori della cronaca mondiale per eclatanti e controverse operazioni di hacktivismo (da WikiLeaks alla Primavera Araba, da Occupy agli attacchi contro la galassia jihadista dopo gli attentati di Parigi del novembre 2015), in realtà Anonymous affonda le radici   nei  bassifondi del trolling online fin dal 2003 e fa del dissenso sarcastico (il lulz, il trickster) l’obiettivo primario della sua stessa esistenza, continuando a colpire (e a sorprendere) con operazioni a tutela della libertà d’espressione, contro ogni censura e forma d’ingiustizia.
Dettagli & acquisto — Scarica l’epilogo 
LA RINASCITA DEI COMMONS                      LA RINASCITA DEI COMMONS. Successi e potenzialità del movimento globale a tutela dei beni comuni.
David Bollier, pp.208, 2015, 15€
È in corso una rivoluzione pacata e autorganizzata, diversificata e socialmente responsabile. Un’ondata che continua a montare ovunque nel mondo, con attivisti e cittadini che fanno causa comune per fronteggiare le rampanti disfunzioni e la paranoia anti-democratica   del mercato-Stato. Insieme alle necessarie riflessioni storico-teoriche, il testo propone un’ampia panoramica sulle dinamiche portate avanti da questo movimento variegato e pragmatico, ma anche idealista e già coinvolto nelle politiche pubbliche a livello locale.
Dettagli & acquistoDisponibile anche come PDF sotto licenza Creative Commons.
QUANDO GOOGLE HA INCONTRATO WIKILEAKS                            QUANDO GOOGLE HA INCONTRATO WIKILEAKS
Julian Assange, pp.176, 2015, 16€
Nel giugno 2011 Julian Assange ricevette un insolito visitatore: il presidente di Google Eric Schmidt, giunto dall’America a Ellingham Hall, la casa di campagna del Norfolk dove Assange si trovava agli arresti domiciliari. Il leader della più famosa organizzazione antagonista di editoria online e il miliardario alla guida del più vasto impero globale dell’informazione si sono misurati per ore sui principali problemi politici che affliggono la società e sulle soluzioni tecnologiche offerte dalla digitalizzazione del mondo – dalla primavera araba ai bitcoin – secondo due prospettive radicalmente opposte. Affascinante e allarmante, il libro contiene una trascrizione annotata della loro conversazione e una quantità di nuovi testi scritti appositamente da Assange, che offrono una sintesi straordinariamente efficace della sua visione del futuro di internet.
Dettagli & acquisto — Scarica la prefazione di Stefania Maurizi (giornalista de L’Espresso)
CREATIVE COMMONS: MANUALE OPERATIVO
CREATIVE COMMONS: MANUALE OPERATIVO. Guida all’uso delle licenze e altri strumenti CC.
Simone Alipradi, pp.112, 2008, 8€
Un manuale operativo che guida passo a passo gli artisti nel mondo delle licenze Creative Commons, le più famose e diffuse licenze di libera distribuzione per opere creative. Senza tralasciare utili chiarimenti di natura concettuale e terminologica, l’autore entra nei dettagli tecnici del funzionamento degli strumenti proposti dal progetto Creative Commons, così da renderli comprensibili anche per i totali neofiti. Un’opera fondamentale per tutti coloro che sono interessati al mondo dell’open content e del copyleft.
Dettagli & acquisto — Edizione aggiornata al 2013
HACKER SCIENZIATI E PIONIERI
HACKER SCIENZIATI E PIONIERI. Storia sociale del ciberspazio e della comunicazione elettronica.
Carlo Gubitosa, pp.240, 2007, 13€
Molti volumi di storia della tecnologia partono dall’invenzione dei primi computer, alcuni si spingono a ritroso fino alle prime macchine
di calcolo meccanico. Questo saggio si spinge ancora più indietro, rivelando che già nell’antica Grecia erano stati realizzati dei “computer” per effettuare calcoli legati alle maree. La storia della scienza viene affrontata a partire da racconti di vita vissuta, da personaggi come Arthur C. Clarke, che prima di scrivere 2001 Odissea nello Spazio ha inventato il concetto di “satellite geostazionario”, a Nikola Tesla che “giocando con i fulmini” ha realizzato il primo sistema industriale di produzione e trasporto della corrente alternata, a Alan Turing, che ha sviluppato il modello concettuale dei moderni calcolatori, fino a Tim Berners-Lee, lo scienziato che dopo aver inventato il world wide web ha voluto consegnare all’umanità la sua creazione senza rinchiuderla nella gabbia del copyright.
Dettagli & acquisto — Disponibile come PDF sotto licenza Creative Commons
CREATIVE COMMONS: MANUALE OPERATIVO                            CAUSA COMUNE. L’informazione tra bene comune e proprietà.
Philippe Aigrain, pp.200, 2007, 16€
Vengono chiamati beni comuni. Non sono una realtà evanescente a beneficio di un pugno di intellettuali su Internet. Sono invece alla base di un rinnovamento sociale e politico che già oggi ha riflessi sull’intero pianeta. Come per l’acqua, l’ambiente o la sanità, i cittadini reclamano ciò che spetta loro di diritto. Dal software libero all’informazione medica e scientifica, dalle enciclopedie collaborative ai sistemi agroalimentari che rispettano il territorio e le tradizioni di appartenenza, il mondo viene percorso da una corrente che contrasta la progressiva privatizzazione di tutti gli ambiti della conoscenza umana. E si scontra con la smania di appropriazione delle multinazionali, che schierano studi legali agguerriti, fiumi di denaro e protezioni politiche.
Dettagli & acquisto — Disponibile come PDF sotto licenza Creative Commons
SOFTWARE LIBERO, PENSIERO LIBERO
SOFTWARE LIBERO, PENSIERO LIBERO (vol. 1)
Richard Stallman, pp.128, 2003, 10€
Un’attenta scelta dei saggi di Richard Stallman per comprendere appieno le dinamiche più scottanti dell’era digitale – al crocevia tra etica e legge, business e software, libertà individuale e società trasparente. Dagli abusi del copyright (diritto d’autore) alla necessità del copyleft (permesso d’autore), dai pericoli dei brevetti sul software alla storia dettagliata del “free software”. Vent’anni di testi e interventi pubblici su argomenti che hanno modificato la concezione dell’informatica e della tecnologia.
Un condensato dello Stallman-pensiero, a sostegno della condivisione del codice, ma ancor prima e soprattutto a tutela di un bene essenziale di ogni società: la libera e totale circolazione delle idee per ciascuno e per tutti.
Dettagli & acquisto — Disponibile come PDF sotto licenza Creative Commons.
SOFTWARE LIBERO, PENSIERO LIBERO 2
SOFTWARE LIBERO, PENSIERO LIBERO (vol. 2)
Richard Stallman, pp.224, 2004, 10€
Altri testi fondamentali per seguire con cognizione di causa le dinamiche attuali – e soprattutto future – della cultura informatica come del mondo tecnologico. A partire da quella Licenza Generica Pubblica (GNU GPL) che dal 1989 ha fatto la storia, e continuerà a farla negli anni a venire. Per proseguire con dettagliate riflessioni sulla necessità di pratiche cooperative a largo raggio nel campo del software, non solo quello libero. Un altro volume indispensabile per comprendere l’ampia portata della piena condivisione del codice nei programmi informatici. Perché la libera e totale circolazione delle idee, estensione naturale di tale condivisione, è un percorso obbligato per la tutela di una società aperta, partecipatoria, a misura di esseri umani.
Dettagli & acquisto — Disponibile come PDF sotto licenza Creative Commons.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>