Nasce “Senza finzione”, la nuova collana di Stampa Alternativa

Senza finzioneInchieste “alla vecchia maniera”, quando la “controinformazione” poteva spiegare fatti altrimenti inspiegabili. Nasce raccogliendo questa eredità una nuova collana di Stampa Alternativa: si chiama Senza Finzione e contiene libri con valenza politica e sociale che affrontano tematiche scomode, legate a terrorismo, criminalità, abusi. E a raccontare queste vicende – direttamente o attraverso un autore che le raccoglie – sono spesso le voci di persone che quei fatti li hanno vissuti direttamente.

Disonora il padre e la madreFacciamo subito un paio di esempi. Il prossimo 20 febbraio usciranno i primi due titoli della collana. Il primo si intitola Disonora il padre e la madre – Un bambino stuprato, una famiglia normale, porta la prefazione di Isabella Bossi Fedrigotti ed è stato scritto da Alessandro Chiarelli, sostituto commissario di polizia e a capo dell’ufficio minori della questura di Ferrara. Alessandro, negli anni di servizio in quest’ufficio, di storie di abuso sull’infanzia ne ha viste tante e le ha viste soprattutto laddove, pur sapendolo, non si dice che avvengano: in famiglia. E ha utilizzato lo strumento del romanzo per condensare nella storia di Antonio, il giovanissimo protagonista, un mondo che diventa specchio e allegoria molto limpida di una situazione diffusa. Dalla quarta di copertina infatti si legge che:

In apparenza è la vita di una famiglia benestante, normale, come tante altre. Nessuno sospetta della violenza che si abbatte sul piccolo Antonio, attirato dallo zio paterno in un gioco che di innocente non ha nulla. E quando il trauma esplode, l’illusoria tranquillità di questa famiglia crolla tra chi sa e non parla, chi nega l’evidenza, chi non avrebbe immaginato perché mai avrebbe voluto vedere. Ma c’è anche di peggio: il trincerarsi dietro il proprio ruolo di genitore, di capofamiglia, per proteggere un passato che non deve tornare.

Le tigri di TelecomIl secondo libro della nuova collana invece è di taglio totalmente diverso. Si intitola Le tigri di Telecom – Dossier, investigazioni e assalti informatici ed è stato scritto da Andrea Pompili, che fu il coordinatore del progetto Tiger Team di Telecom Italia, quello finito su tutti i giornali perché presentato come uno dei cardini dello scandalo Telecom-Sismi. Con una prefazione di Andrea Monti, avvocato ed editore italiano da anni noto nell’ambito delle libertà digitali, ecco ciò che vuole raccontare il libro di Andrea:

“Vedrà, alla fine tutto si ridurrà a una questione di tre amici al bar”. Con questo avvertimento Telecom comunicava all’autore di aver trovato la sua zona grigia e di essere disponibile a tutto perché tale rimanesse. Il problema di capire chi ne avrebbe fatto parte fu delegato alla Procura di Milano, in quel momento sulle tracce di dossier, intercettazioni e incursioni informatiche […]. Ma come si è arrivati a tutto questo? La sfida della sicurezza aziendale e delle sue deviazioni viene ricostruita attraverso l’esperienza diretta dell’autore, coordinatore del progetto Tiger Team di Telecom Italia: il gruppo che, secondo le accuse, avrebbe preso di mira diverse realtà aziendali tra cui “Il Corriere della Sera”.

E poi due parole su chi dirigerà la collana: si tratta di due autrici. La prima è Simona Mammano, assistente capo della polizia di stato, è iscritta al sindacato SILP-CGIL e in passato è quadro sindacale per il Siulp di Bologna, dove dal 1997 al 2007 ha curato il Premio “Franco Fedeli”, assegnato al miglior libro poliziesco italiano. Ha pubblicato con Meridiano Zero nell’antologia La legge dei figli (2007) un racconto sull’assalto alla scuola Diaz durante il G8 di Genova. Scrive per la pagina dei libri di Repubblica Bologna, Polizia e Democrazia, Thriller Magazine e Delitti di carta.

Antonella Beccaria ha pubblicato per Stampa Alternativa Pentiti di niente (2008), Uno bianca e trame nere (2007), Bambini di Satana (2006) e NoSCOpyright (2004). Curatrice dell’antologia Creative Commons in Noir (2008), collabora con MilanoNera, Thriller Magazine e con altre riviste dedicate a letteratura e crimine. Ha tradotto diversi saggi sulla cultura della Rete e dal 2006 segue Fronte della Comunicazione, il blog di Stampa Alternativa. A breve uscirà il libro Il programma di Licio Gelli. Una profezia avverata? (Socialmente).

E in ultimo – ma non ultimo – un annuncio, su cui avremo modo di tornare nei prossimi giorni: per incontrare gli autori, le curatrici di collana e Marcello Baraghini, direttore editoriale di Stampa Alternativa, il 18 febbraio prossimo, a mezzogiorno, ci sarà una conferenza stampa di presentazione a Roma, nella sala dell’Arazzo in Campidoglio, a cui parteciperanno Umberto Croppi e Ivan Scalfarotto, esponente del Partito Democratico e una delle anime del gruppo iMille.

Disonora il padre e la madre – Un bambino stuprato, una famiglia normale di Alessandro Chiarelli
Collana Senza Finzione
264 pagine
ISBN: 978-88-6222-069-9

Le tigri di Telecom – Dossier, investigazioni e assalti informatici di Andrea Pompili
Collana Senza Finzione
372 pagine
ISBN: 978-88-6222-068-2

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>