“Curarsi da soli… psichiatri permettendo”

Gianna SchiavettiIn tanti hanno seguito durante questi mesi l’avventura di Stampa Alternativa nell’universo della psichiatria: dal romanzo Psicofarmaci agli psichiatri alla riproposta di Non ho l’arma che uccide il leone, dal libro fotografico su Franco Basaglia all’Onda pazza di Peppino Impastato. E in tanti hanno partecipato al prologo mantovano, riconosciuto all’interno del Festivaletteratura, del VI Festival della Letteratura Resistente di Pitigliano Matti chiari amicizia lunga.

Sono certo che lo straordinario successo di Alice Banfi con la sua vibrante testimonianza Tanto scappo lo stesso presentato di recente in forma di intervista anche sul sito di Rete 180 – La voce di chi sente le voci vuole essere il traino per un altro libro che celebra in modo altrettanto adeguato questo trentennale della Legge Basaglia.

Si tratta di un diario, di un altro racconto in diretta che, diversamente dalla forza prorompente di Tanto scappo lo stesso, si presenta sottovoce, in punta di piedi e ha bisogno di essere accolto con disponibilità d’animo e sintonia particolare. Mi riferisco a La schizofrenia non esiste e se esistesse io vorrei averla di Gianna Schiavetti.

Gianna è un’arzilla signora di quasi settanta anni che negli ultimi anni ha imparato a condurre una trasmissione radiofonica (“Curarsi da soli… psichiatri permettendo” in onda regolarmente su Rete 180) e ha così imparato i tempi e i modi adeguati per entrare nelle case e nei cuori dei suoi ascoltatori (e dei suoi lettori). Questo suo apprendimento lo ha manifestato alla platea di Mantova venuta ad ascoltarla per “Matti chiari, amicizia lunga” e ancor più nelle pagine, tanto discrete quanto incisive e indimenticabili, del suo libro-diario.

Mi sento di dire che se Alice rappresenta la forza della lotta attivista e calata nel reale quotidiano, Gianna sublima la protesta nei confronti della psichiatria oppressiva esaltandola nel surreale e nell’ineffabile della poesia.

Quanti hanno letto e conosciuto Alice apprezzeranno ancora di più La schizofrenia non esiste e se esistesse io vorrei averla come se, in qualche modo, le due testimonianze si completassero a costituire un unico autentico manifesto per ricordare, nel modo di Stampa Alternativa, la rivoluzione di Franco Basaglia, quella che Marcello Baraghini definisce la più rivoluzionaria di tutte.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>