Ecco un vero editore a pagamento

Don Quijote - Foto di Gisela GiardinoLa casa editrice Il Filo di Viterbo è una casa editrice a pagamento. Nonostante pubblichi annunci sulle prime pagine dei maggiori quotidiani, asserendo di essere alla ricerca di nuovi talenti, questa casa editrice è alla ricerca solamente di polli da spennare, di scrittori esordienti con la folle voglia di veder pubblicare il loro libro, che attira con annunci mendaci e ai quali offre solo la stampa a pagamento delle proprie opere senza curarne affatto la distribuzione sul mercato nazionale. Chi si avvicina al Filo sappia ciò, e chi riceva da Il Filo una proposta di pubblicazione sappia che ciò non significa affatto una valutazione, tanto meno positiva, della propria opera.

Per questo Il Filo, per deontologia professionale, dovrebbe precisare nei propri costosi annunci, che la eventuale (anzi certa) pubblicazione avverrà solo dietro pagamento da parte dell’autore.

Non sono solo io a dirlo, da mesi ormai, ma lo conferma, con recente sentenza anche il Tribunale Civile di Bologna.

Al Tribunale di Bologna si era rivolta la casa editrice Il Filo, nel Gennaio scorso, chiedendo di intimare al sottoscritto la cancellazione dal proprio blog (questo che state leggendo) di tutti gli scritti aventi come oggetto l’attività della casa editrice stessa. La giustificazione di un provvedimento così severo (si può dire cinese?) stava nel fatto che tali scritti erano palesemente falsi e fortemente lesivi dell’immagine e degli interessi de Il Filo.

Il Tribunale di Bologna ha respinto il ricorso de Il Filo, sostenendo che la stessa Casa Editrice non è riuscita a dimostrare falsa alcuna delle affermazioni che si trovano su questo blog. Leggi l’ordinanza del giudice.

Ogni commento a questo punto è superfluo: ho fatto bene ad aver fiducia nella Magistratura italiana che ha riconosciuto la lealtà e l’onestà delle affermazioni mie, di Marcello BAraghini, di Boris Borgato e dei tanti che hanno testimoniato nel corso di questi mesi a proposito de Il Filo e degli altri editori a pagamento oggi agenti in Italia.

Il mio silenzio delle ultime settimane attorno alla vicenda era dovuto al rispetto per il lavoro della Magistratura.

Adesso la nostra lotta riprende, per la difesa degli scrittori esordienti, per l’affermazione della verità, per il conseguimento della cultura popolare.

Attenzione però, non ci occuperemo solo de Il Filo, ma anche di tutti gli altri editori a pagamento, e sono tantissimi, che in questo momento realizzano profitti carpendo la buonafede di tanti scrittori in erba. Colpa anche degli scrittori in erba, senz’altro, l’ho già detto e lo ripeto: la nostra lotta serve anche a far aprire gli occhi alle possibili vittime.

Un’indicazione infine per le case editrici a pagamento: se non desiderate essere nominate in questo blog è sufficiente che scriviate a chiare lettere, sui vostri siti internet e sulla vostra pubblicità: LE EVENTUALI PUBBLICAZIONI DA PARTE DELLA NOSTRA CASA EDITRICE SONO SOGGETTE A CONTRIBUTO, A VARIO TITOLO, DA PARTE DELL’AUTORE. Semplice, no? Che ci vuole? Così tutti lo sanno e nessuno si può più lamentare.

Un grazie particolare al complice orgoglioso di sempre Marcello Baraghini e allo Studio dell’Avvocato Ermenegildo Russo di Foggia, per il valido e appassionato sostegno in giudizio.

(Questo post è stato pubblicato il 22 luglio scorso sul blog Riaprire il Fuoco.)

2 thoughts on “Ecco un vero editore a pagamento

  1. Alleluja!
    Mi fa molto piacere apprendere questa notizia. Anche io, nel mio sito dedicato agli esordienti, ho imbastito una lotta contro l’editoria a pagamento.

Rispondi a Linda Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>