I Bianciardini: un sogno da un centesimo, almeno

I Bianciardini sono una serie di libri che si chiameranno UN CENT e costeranno un centesimo di euro: sono una nostra idea, nata ed alimentata non solo in una discussione privata, ma dal confronto con il pubblico nelle occasioni che finora abbiamo avuto per parlare de Il fuorigioco mi sta antipatico, il libro di Luciano Bianciardi da poco nelle librerie.

Ci siamo chiesti, sin dalle prime ore delle vicende che ci hanno reso complici orgogliosi, come potevamo rendere un tributo non retorico e stantio a Bianciardi per quanto lui aveva scritto e fatto, e soprattutto per dare di nuovo corpo alla rabbia, all’anarchia, all’ironia e alla ribellione che hanno animato i suoi brevi anni di vita.

Abbiamo convenuto che si trattava prima di tutto di mettere al centro il lettore, di strapparlo alle grinfie della grossa editoria, che in nome del profitto e del fatturato, dopo aver cancellato quanto di buono la letteratura del ‘900 aveva proposto, lo ha reso subordinato e passivo, deprivato delle passioni e assoggettato al consumo acritico. Siamo allora partiti con l’annullare l’ostacolo primario, costituito dal prezzo del libro, riducendolo ad una cifra irrisoria ed emblematica, e aggiungendo al marchio UN CENT la parola ALMENO, che è il primo vero invito alla complicità.

Il lettore, con qualche centesimo in più, diventa finanziatore. Per un centesimo almeno, scoprirà e riscoprirà contenuti preziosi, dimenticati, sepolti da qualche parte, come quello del numero zero, un numero di prova.

E il lettore diventa anche distributore e promotore: gli proporremo di spedirgli a casa, se le vuole, almeno cento copie di un titolo o di più titoli, per poterle distribuire, vendere, regalare, perché con quel prezzo di copertina i Bianciardini sono naturalmente esclusi dal circolo commerciale librario.

E allora: finanziatore, promotore, distributore e perché no, cacciatore di testi, alla nostra maniera, testi che sarebbero sicuramente piaciuto a Luciano.

Quindi, così pensiamo noi, nostro complice al cento per cento e come noi sognatore, ma sognatore a occhi aperti, per traghettare il libro da sfinito, come lo hanno ridotto ora, a infinito, come lo renderemo noi, assieme a lui.

Scriveteci, suggeriteci, criticateci, segnalateci, prenotatevi: almenouncent@riaprireilfuoco.org

Comitato Antifondazione Luciano Bianciardi
Casella Postale 37
58017 Pitigliano (Grosseto)

13 thoughts on “I Bianciardini: un sogno da un centesimo, almeno

  1. Attendo vostre nuove per diventare, di nuovo e a pienissimo titolo, “complice” di Marcello.
    Mi fa piacere che sia stata inserita la questione “ricerca testi”, storica ricchezza delle complicità con Stampa Alternativa.
    Però, da quando ho appreso della cosa, mi chiedo: ma dov’è finita la schiera infinita di amici di Stampa Alternativa?
    Perchè non commenano e non “intasano” le vostre mail, il Fronte e RiaprireilFuoco?

  2. […] Fronte della Comunicazione, I Bianciardini: un sogno da un centesimo, almeno Ci siamo chiesti, sin dalle prime ore delle vicende che ci hanno reso complici orgogliosi, come potevamo rendere un tributo non retorico e stantio a Bianciardi per quanto lui aveva scritto e fatto, e soprattutto per dare di nuovo corpo alla rabbia, allanarchia, allironia e alla ribellione che hanno animato i suoi brevi anni di vita. […]

  3. Ci va di scartino

    Come si dice da queste parti, il buon Baraghini ci va di scartino! :)E come dargli torto?Ecco il suo (bellissimo) post, sul blog di Stampa Alternativa:Trombe, trombette e tromboni mediatici già squillano preannunciando che Niccolò Ammansi…

  4. Commento anche qui, oltreche in ‘Riaprire il Fuoco’, per render noto che ho già ricevuto i primi cento bianciardini (‘Come si diventa un intellettuale’) e ho provveduto, venerdì scorso, a inviare i miei 25€uro di sostegno all’Antifondazione. Ho altresì attivato un sito-blog, http://rifmi.wordpress.com, per tuttii i bianciardiani del milanese.

  5. bellissima idea che ho appena conosciuto grazie ad un amico.

    baraghini, se vuoi ti offro la mia opera omnia sulle bici e la città, che trovi nel mio sito.

  6. Sono un vecchio fan di stampalternativa (li ho tutti, una vera droga): sono in trepida attesa di “La Casta dei Giornali”.
    Fateci sapere!

  7. Avevo già scritto che la domanda anti- spam, di cui ignoravo l’esistenza e cioè che una domanda potesse cacellare spam e testo ( non perchè valesse la pena di essere conservato ), ha imbiancato il riquadro
    Non mi rimane che attendere i bianciardi.

    vito parisi
    via de amicis, 106 caltanissetta

  8. Quello del trasporto pulbibco (mezzi pubblici, taxi ecc.) e8 un grande problema in Italia. Effettivamente siamo in ritardo anni luce rispetto ai principali paesi europei, ed abbiamo tariffe altissime, pur non avendo un servizio efficace.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>