HOME > COLLANE > ERETICA > L'IMPORTANTE È PROIB...
 
   
 
 

Maurizio Targa
L'IMPORTANTE È PROIBIRE
Tutto quello che la censura ha vietato nelle canzoni – Prefazione Michele Bovi


COLLANA: Eretica
GENERE:
pp. 176
Anno: 2011
PREZZO: 11,05 euro
(15% di sconto sul prezzo di copertina: 13,00 euro)
ISBN: 978-88-6222-178-8




Seguiteci su facebook, il gruppo è aperto a tutt!
www.facebook.com/groups/24816822437563/#!/groups/24816822437563

 
   
 

Enrico Baraldi
LO PSICHIATRA NEL CASSETTO
  Paolo Izzo
LETTERE ERETICHE
  Salvatore Coccoluto
DESIDERIO DEL NULLA

Una scorribanda tra le canzoni italiane colpite dalla censura: da “Fratelli d’Italia” a “Faccetta nera” (boicottata durante il fascismo) passando per “La Pansè” e per Tenco, De André, Battisti, i Pooh, Baglioni fino ai giorni nostri con Elisa, Cristicchi
e i Negrita. Dai velati riferimenti per menti contorte alle censure più incredibili e bizzarre: tutti nel mirino dei moralizzatori per le ragioni più cervellotiche. Mina e Modugno tra i più epurati, mentre per far tacere la Cinquetti si oscurò un Eurofestival, e i Cugini di Campagna furono accusati di istigazione al suicidio,
ma il capolavoro riguarderà la censura di un brano solo strumentale. E perché mai, se la Rai censurava spesso, Radio Vaticana trasmetteva?
Un libro esilarante e sorprendente; una carrellata irresistibile attraverso cent’anni di sforbiciate musicali in un Paese “ufficiale” a forte vocazione censoria.

APPROFONDIMENTI

SEGNALAZIONI E RECENSIONI ON LINE

Recensione a cura di Mario Bonanno
www.sololibri.net:80/L-importante-e-proibire-Maurizio.html

Televideo
www.televideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp?id=9823

www.ilcaffe.tv/pdf/latina223/20.html

www.music-on-tnt.com/libri/articolo.php?id_articolo=1044

Su Radio Radicale: intervista di Lanfranco Palazzolo a Maurizio Targa
www.radioradicale.it/scheda/342820

www.ilcaffe.tv/pdf/latina235/18.html



 

I COMMENTI DEI LETTORI
  09/11/2011
Da un lettore a Michele Bovi
Ho letto la sua introduzione al bellissimo libro "L'importante è proibire". Solo che non c'entra niente. Affermando che al posto dei censori avrebbe fatto la stessa cosa, avrebbe trovato giusto quello che nel libro viene giustamente sigmatizzato dall'autore (e anche da me). Fa poi due citazioni che dovrebbero essere molto autorevoli ma che trovo del tutto sbagliate. Una di Gaber che vuole censurare il cattivo gusto: se si dovesse censurare tutto ciò che non piace a qualcuno non rimarrebbe quasi niente!! Porre come giustificazione della censura il proprio gusto è terribilmente snob e presuntuoso. Quanto alla citazione di Gino Paoli, il quale asseriva di non dire parolacce davanti alla madre per non offendere la sua sensibilità, da una parte è fuori luogo, dall'altra ha limiti evidenti. Fuori luogo perché nessuno è obbligato a sentire una canzone che non gli piace, e il limite sta proprio nel fatto che si dà luogo ad una censura.



PG
 
     
  09/11/2011
Risposta di Michele Bovi
Caro PG, con quelle dichiarazioni Gaber e Paoli contraddicono l'anima liberale che li ha sempre contraddistinti. e io amo le contraddizioni perchè profumano di disarmante autenticità, mentre sospetto che dietro l'estrema coerenza si celino manierismo e ipocrisia. E' vero che la mia prefazione è in antitesi concettuale con il libro, peraltro preziosissimo, del bravo Maurizio Targa. Che dire: lui m'ha chiesto un'opinione, io l'ho espressa. Prendo atto che lei, PG, l'avrebbe censurata. L'importante è proibire, appunto. Cordiali saluti Michele Bovi





MB
 
     

LASCIA UN COMMENTO
Nickname: (obbligatorio)
Titolo: (obbligatorio)
Testo: