Taccani/Meyer, Quattro zampe in tribunale

Il testo riporta una serie di casi veri, raccontati in maniera veloce, discorsiva e giornalistica. Di ognuno, si propone la spiegazione normativa, sviluppata in maniera tecnica, ma semplice. Come difendersi da un vicino che vuole “liberarsi” del cane che gli dà fastidio? Come rispondere all’amministratore di condominio che non vuole cure ai gatti randagi? Come denunciare chi maltratta o uccide un animale? In questo libro si trovano risposte. Anche gl animali hanno dei diritti e alcuni avvocati li fanno rispettare. ——————————————– Claudia Taccani e Edgar Meyer, Quattro zampe in tribunale. Storie di animali (e uomini) alla prese con la legge Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2010 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (2.4MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

De Carolis, Urla a bassa voce

Questo libro può essere letto in tanti modi diversi: come spaccato di vita e di problematiche carcerarie, come trattato critico di criminologia, come rassegna di delitti e di pene, come stimolo all’impegno civile. Per me è, anzitutto, una raccolta di testimonianze che “gridano” la loro fatica e la loro sofferenza. Le prime pagine, con le note autobiografiche degli autori, dicono già gran parte di quel che c’è da sapere. Vite bruciate dal carcere e nel carcere. E prima dal e nel delitto. O almeno così si è portati, quasi istintivamente, a ritenere. Urla a bassa voce ci ricorda che siamo tutti chiamati in causa, nella società e davanti alle nostre coscienze. Come scrive Maria dopo la morte di Aziz, un giovane suicida nel penitenziario di Spoleto: «Ogni uomo che si toglie la vita in carcere lo fa anche per causa mia, per un qualcosa che io non ho fatto, per un’attenzione a una sofferenza che non ho voluto o saputo vedere». – Dalla prefazione di don Luigi Ciotti ——————————– A cura di Francesca De Carolis, Urla a bassa voce – Dal buio del 41bis e del fine pena mai Collana Eretica Speciale, Stampa Alternativa, 2012 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto…

Pompili: Le tigri di Telecom

“Vedrà, alla fine tutto si ridurrà a una questione di tre amici al bar”. Con questo avvertimento Telecom comunicava all’autore di aver trovato la sua zona grigia e di essere disponibile a tutto perché tale rimanesse. Il problema di capire chi ne avrebbe fatto parte fu delegato alla Procura di Milano, in quel momento sulle tracce di dossier, intercettazioni e incursioni informatiche per quello che sarebbe diventato lo “scandalo Telecom-Sismi”. Ma come si è arrivati a tutto questo? La sfida della sicurezza aziendale e delle sue deviazioni viene ricostruita attraverso l’esperienza diretta dell’autore, coordinatore del progetto Tiger Team di Telecom Italia: il gruppo che, secondo le accuse, avrebbe preso di mira diverse realtà aziendali tra cui “Il Corriere della Sera”. ——————————– Andrea Pompili, Le tigri di Telecom. Dossier, investicazioni e assalti informatici – La sicurezza italiana e le sue deviazioni attraverso un eclatante scandalo mediatico Collana Senza Finzioni, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (1MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Tadioli, Senza Trucco

Etichette alla mano, ecco un manuale sintetico e semplice, per scoprire i principali ingredienti di creme, saponi e bagnoschiuma, soprattutto quelli su cui si concentrano critiche e sospetti. Non mancano i capitoli dedicati alla cosmesi naturale: uno all’aromaterapia – con un essenziale e pratico vademecum delle principali essenze e delle relative proprietà – un altro agli oli, per impararne composizione, uso e conservazione. L’ultimo capitolo insegna a mescolare fra loro oli ed essenze, con ricette di base per preparare semplici dopobagno, unguenti, creme, burro per il corpo, lucidalabbra, deodoranti… ——————————– Nadia Tadioli, Senza trucco: Cosa c’è, davvero, nei cosmetici che usiamo ogni giorno Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2010 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (870KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Mazzoni, Rasta Marley: le radici del reggae

Reggae, Rasta: un genere musicale, un movimento politico, una fede, una Livity, fusi con la potenza primigenia del battito del cuore. Bob Marley: il loro profeta, che attraverso la sua stessa parabola artistica e di vita ha tracciato la rotta per il cammino di riscatto e speranza di milioni di fratelli neri. L’analisi di dodici canzoni, tra le sue più significative, ripercorre i passi che l’utopico “eroe Rasta” deve compiere per portare a termine la sua missione: lasciare Babylon dell’ingiustizia e della corruzione per tornare a Zion, la terra dei Padri. Un viaggio in musica sulle strade di libertà del movimento Rastafari, grazie alla particolarità del linguaggio giamaicano e l’intreccio profondo tra le canzoni di Marley e la visione mistica che lega ogni Rasta a Jah, un dio d’amore e di giustizia. ——————————————- Lorenzo Mazzoni, Rasta Marley: le radici del reggae Collana Sconcerto, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (4.3MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Ingroia, C’era una volta l’intercettazione

Le intercettazioni sono nate e si sono evolute di pari passo con le tecnologie e i cambiamenti sociali. Il loro utilizzo è stato sottoposto a precise regole, la più importante delle quali è la richiesta da parte del pubblico ministero seguita dall’autorizzazione di un giudice per le indagini preliminari. Tutto questo mentre la politica sta insinuando l’idea di un mondo costantemente controllato. Nelle pagine di questo libro si va alla ricerca di fatti che dimostrino quanto il pericolo tanto gridato sia inesistente, rifacendosi alle intercettazioni per i reati di mafia e al valore che hanno in fase processuale. ——————————————– Antonio Ingroia, C’era una volta l’intercettazione. La giustizia e le bufale della politica – Lo strumento d’indagine, la sua applicazione per reati di mafia e i tentativi d’affossamento Collana Senza Finzioni, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (531KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Prunetti, Il fioraio di Peròn

L’Argentina di ieri e quella di oggi, unite da una Storia che, tra crisi e trasformazioni, resta pervicace nelle sue linee di fondo e in cui il peronismo riemerge periodicamente quale collante politico e culturale di una nazione. Nazione ben strana, del resto, in cui apparente spensieratezza italiana e apparente tragicità spagnola hanno dato luogo a una curiosa sintesi, che differenzia il paese da tutto il resto dell’America Latina. Il romanzo narra episodi in gran parte veri, ma ciò è irrilevante: ciò che è vero al di là di ogni dubbio è il contesto umano e sociale che, nel narrare la vicenda di un fioraio italiano giunto vicino alle sedi del potere, e quella parallela di un erede che ne cerca le tracce, Alberto Prunetti mette in evidenza. Con un linguaggio terso e incisivo, in cui piccoli dettagli, rapide annotazioni, osservazioni di poche righe assurgono a sintomi di un dramma più vasto. Il simbolo più significativo di tutto ciò è la Casa Rosada, così chiamata – impariamo – perché tinta con sangue bovino all’epoca della costruzione. Un colore tenue e piacevole, dunque, che allude a una crudeltà sempre pronta a trasudare, fatta di prepotenza e pulsioni autoritarie. La complessa realtà…

Chiarelli, Disonora il padre e la madre

In apparenza è la vita di una famiglia benestante, normale, come tante altre. Nessuno sospetta della violenza che si abbatte sul piccolo Antonio, attirato dallo zio paterno in un gioco che di innocente non ha nulla. E quando il trauma esplode, l’illusoria tranquillità di questa famiglia crolla tra chi sa e non parla, chi nega l’evidenza, chi non avrebbe immaginato perché mai avrebbe voluto vedere. Ma c’è anche di peggio: il trincerarsi dietro il proprio ruolo di genitore, di capofamiglia, per proteggere un passato che non deve tornare. ——————————————– Alessandro Chiarelli, Disonora il padre e la madre. Un bambino stuprato, una famiglia normale. Avrebbe dovuto essere un gioco innocente e invece fu la scoperta di un male fin troppo vicino. Collana Senza Finzioni, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (636KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Mammano, Assalto alla Diaz

Questo libro parla con le voci di chi si trovava dentro la scuola Diaz di Genova la notte del 21 luglio 2001: manifestanti e poliziotti. Voci che hanno scandito mesi di udienze in un’aula di giustizia, raccontando la stessa vicenda da più punti di vista, da fronti opposti, con versioni discordanti. Ma voci che ricostruiscono, al di là della sentenza finale, l’esplosione di una “macelleria messicana” spacciandola per una “colluttazione unilaterale”. ——————————————– Simona Mammano, Assalto alla Diaz. Polizia e G8 – L’irruzione del 2001 ricostruita attraverso le voci del processo di Genova. Collana Senza Finzioni, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (814KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Apuzzo, Spinicchia, La città del sole

Questa è una guida per scegliere l’energia pulita, “costruirsela da sé” e orientarsi nel labirinto del mercato energetico liberalizzato. Utile anche per usare l’unica, vera, fonte di energia pulita: il risparmio, per la bolletta e per l’ambiente. La Città del Sole illumina non solo le famiglie, le imprese e le amministrazioni pubbliche, ma anche le scuole e gli studenti. ——————————————– Stefano Apuzzo, Nicolò Spinicchia, La città del sole. Come scegliere e farsi “in casa” l’energia pulita. Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2009 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (3MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.