Casamassima, I sovversivi

Quattro storie di ordinaria violenza: sono quelle riportate in questo nuovo libro di un autore che da anni si occupa di un periodo passato alla storia come “anni di piombo”. I protagonisti sono accomunati dallo stesso destino, quello di perdere la vita: una possibilità più che concreta. «Bene che ti vada», veniva detto agli aspiranti brigatisti, «finisci in galera». Nonostante ciò furono in tanti a credere che non ci fosse alternativa. Fra le testimonianze inedite, quelle di Renato Curcio su Mara Cagol, di Oscar Alasia su suo fratello Walter, di Maurice Bignami sulla sua compagna, Barbara Azzaroni. ——————————————– Pino Casamassima, I sovversivi. Morti impugnando un’arma. La storia di Mara Cagol, Walter Alasia, Barbara Azzaroni, Matteo Caggegi, Lorenzo Betassa, Riccardo Dura, Annamaria Ludmann, Piero Panciarelli. Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2011 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (573 KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Terracina, L’ultimo volo per Punta Raisi

5 maggio 1972: un Dc 8 dell’Alitalia proveniente da Roma, il volo AZ 112, si schianta contro la parete rocciosa di Montagna Longa, vicino all’aeroporto Punta Raisi di Palermo. Le vittime furono 115. All’epoca si parlò di tragico incidente e di “errore umano”, ma presto si sollevarono dubbi sulla ricostruzione ufficiale. Questo libro riapre una vicenda troppo rapidamente dimenticata, analizzando tutte le contraddizioni delle indagini. Si trattò di una strage, inserita nella strategia della tensione di quegli anni? E chi poteva avere interesse a colpire proprio quell’aereo e i suoi passeggeri? Una controinchiesta che si muove nella miglior tradizione del giornalismo investigativo italiano. ——————————————– Francesco Terracina, L’ultimo volo per Punta Raisi. Sciagura o strage? La storia del disastro aereo del DC8 che nel ’72 fece 115 morti. Nessun colpevole. Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2012 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (6,4 MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

AA. VV., Maledetta fabbrica

Cinque autori – Danieli Biacchessi, Alfredo Colitto, Patrick Fogli, Jean-Pierre Levaray e Valerio Varesi – raccontano altrettante storie intorno a un’unica realtà: di lavoro si muore tutti i giorni. Semplice la ragione: che siano tempi di economia che tira o di crisi, il profitto e la sua salvaguardia surclassano qualsiasi investimento volto a tutela della sicurezza e dell’incolumità dei lavoratori. I quali, ingabbiati dalle necessità quotidiane, non hanno altra scelta che sottostare. Italiani o stranieri, qualificati o generici, esperti o appena arrivati: non fa differenza, per loro l’unico modo di tirare avanti è lavorare. E rischiare di non tornare a casa la sera. ——————————————– AA.VV., Maledetta Fabbrica. Il lavoro uccide – In un cantiere, alla guida di un tir o in una fabbrica, la vita umana è il bene meno tutelato. Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2010 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (416 KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Casamassima, Bandite!

C’è un filo rosso che unisce le storie delle brigantesse e delle partigiane.  Le donne che a cavallo dell’Unità d’Italia imbracciarono il fucile, lo fecero dopo la rottura di un equilibrio domestico e umano determinato dall’uccisione o cattura del loro uomo o per seguirlo in un destino ribelle contro uno Stato che non riconoscevano. Quelle che scelsero la lotta armata, unendosi ai partigiani durante la Repubblica sociale, risposero a un doppio richiamo: affettivo e civile, rivendicando la loro essenza di donne: «Non abbiamo fatto la guerra noi», dice una di esse. «Abbiamo fatto solo le donne». ——————————————– Pino Casamassima, Bandite! Brigantesse e partigiane – Il ruolo delle donne col fucile in spalla. Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2012 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (571 KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Casamassima, Armi in pugno

Le Brigate Rosse, la prima volta che uccisero, lo fecero a Padova, la città che assisteva alla nascita dell’Autonomia organizzata e ai teoremi giudiziari che portarono al processo 7 aprile. Ma il Veneto fu anche la culla dell’eversione neofascista, quella di Ordine Nuovo, che metteva le bombe sui treni e che inaugurò gli anni di piombo con la strage di piazza Fontana. E sempre nel Nord Est nacquero e si svilupparono fenomeni criminali autoctoni, come la mafia del Brenta di Felice Maniero. Un’area che passò dalla miseria e dall’emigrazione alla prosperità economica coltivando alcuni dei fenomeni che hanno fatto la storia dell’intera nazione. ——————————————– Pino Casamassima, Armi in pugno. La storia del Nord Est tra politica, terrorismo e criminalità. Collana Senza finzione, Stampa Alternativa, 2010 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (614 KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Paronuzzi, Nuove storie naturali

Il titolo rimanda intenzionalmente alle “Storie naturali” di Jules Renard, un classico della letteratura anticipatore dell’osservazione etologica. L’intento di Alessandro Paronuzzi, veterinario che abitualmente tiene incontri nelle scuole, è di formare persone con una forte coscienza animalista, in grado di condividere un rapporto felice uomo-animale. ——————————————– Alessandro Paronuzzi, Nuove storie naturali. Come sviluppare una relazione con i nostri animali. Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2010 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (2,1MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Nebbia, Ambientamoci

L’ecologia è il racconto della vita, il copione del grande dramma, bellissimo e terribile, che si svolge sul palcoscenico del nostro pianeta. Pieno di protagonisti, dall’umile scarabeo che ricicla i rifiuti degli animali più grossi, agli esseri umani che lasciano andare i propri escrementi nei fiumi e nel mare, dalle silenziose coloratissime piante come la ginestra, alle fabbriche in cui si inventano nuove merci e ai laboratori in cui si cerca di svelare i segreti della natura. Questo libro si propone di raccontare vita, morte e miracoli di alcuni di questi protagonisti, vegetali, animali, umani ed esseri inanimati come l’acqua, la spiaggia, il mare, l’aria del cielo, il terreno dei pendii. Tante piccole storie in cui domina la solidarietà fra esseri viventi e il loro ambiente circostante — è ben questa l’ecologia, la scienza della pace e dell’armonia. ——————————————– Giorgio Nebbia, Ambientiamoci. Racconti di ecologia. Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2011 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (774KB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Celli, Nuovo bestiario postmoderno

Sono 8 milioni i gatti e 7 milioni i cani (per non parlare di pesci, uccelli, roditori vari, furetti, conigli, ecc.) che vivono nelle nostre abitazioni. Ci fanno compagnia, ci osservano. Giorgio Celli ci aiuta a capirli. Raccontando del cane simulatore, del gatto allo specchio, dell’ape farmacista, della formica robot, del piccione mistico, e così via. Racconti, aneddoti, storie vere e riflessioni del grande etologo che, nello stile didattico e divulgativo che gli è proprio, ci svela i segreti del comportamento degli animali domestici (gatti e cani) e di quelli che vivono vicino a noi (api, formiche eccetera), dei loro linguaggi, della loro etologia. Aiutandoci a conoscere meglio anche noi stessi. ——————————————– Giorgio Celli, Nuovo bestiario postmoderno, e altri scritti Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2011 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (1MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.

Fiori, Vela Libre

Il vento è gratuito, il mare libero, la vela ecologica ed economica. Dalla notte dei tempi l’uomo ha navigato, mosso da molteplici spinte. Oggi continua a farlo anche per passione. Un piacere autarchico, libertario e in armonia con la natura. Perché per viaggiare a vela serve solo una piccola barca e un grande entusiasmo, oltre a un’unica ricchezza: il tempo. “Barca minima, rotta massima” è il principio che accomuna idee e storie, di ieri e di oggi, a partire dalle straordinarie avventure di velisti come Joseph Conrad, Joshua Slocum, Bernard Moitessier e Alex Carozzo. Pagine di storia, ecologia e pratica. Cosa serve per bordeggiare in giornata, per fare campeggio nautico o una crociera costiera? Meglio una barca di legno, di vetroresina o di ferro? È preferibile uno scafo usato o l’autocostruzione? Le risposte in questo libro. ——————————————– Fabio Fiori, Vela Libre. Idee e storie per veleggiare in libertà. Collana Ecoalfabeto, Stampa Alternativa, 2012 ——————————————– L’opera viene rilasciata sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate. Il testo integrale è disponibile in formato PDF (2.4MB). Per aprirlo occorre Adobe Acrobat Reader, software gratuito. Scheda e modalità d’acquisto del volume cartaceo.