Lessig, Cultura Libera

8 maggio 2005

Cultura LiberaDove ci sta portando l’enfasi sui diritti di proprietà intellettuale? Le nuove tecnologie cambiano completamente le dimensioni del problema, rispetto ai tempi del “diritto d’autore”: non solo nel campo dell’informatica o dell’editoria tradizionale, ma in tutto il mondo dell’entertainment, dello spettacolo e in quelli, per il momento forse meno “visibili”, dell’ingegneria genetica e delle biotecnologie. Fra chi vuole proteggere tutto (difendendo interessi acquisiti) e chi vorrebbe tutto “libero”, Lessig ha una posizione articolata e profonda, in equilibrio fra anarchia e controllo: difende l’idea di un creative commons, uno spazio pubblico di libertà, ed è a favore di licenze limitate, in cui non “tutti”, ma solo “alcuni diritti” sono riservati. Per combattere l’estensione illimitata dei diritti di proprietà, che porterebbe a una “feudalizzazione” della cultura.

—————–
Lawrence Lessig, Cultura Libera: un equilibrio fra anarchia e controllo, contro l’estremismo della proprietà intellettuale

Traduzione Bernardo Parrella, Editore Apogeo, 2005, ISBN: 88-503-2250-X
———————-

La versione elettronica del volume viene rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0.

Il testo integrale viene diffuso in due formati (HTML e TXT), entrambi compressi (.ZIP):

Formato HTML (385K)

Formato TXT (387K)

No Comments

Comments are closed.