Eluard & Peret. Proverbi Surrealisti

Proverbi Surrealisti, 1999
Non solo poesia, non solo proclami e manifesti: ci sono anche proverbi surrealisti. Una leccornia ignota che merita di essere servita nel suo originale vassoio storico. Una scrittura che è cattedra di sapienza sgorgante dagli antichi meandri – ricolmi di masserizie e detriti- del sapere innato; quello che, senza tanti pream­boli, invita a “esser grande prima di esser grasso”.

La stessa saggezza che s’incontra nei ‘veri’ pro­verbi della tradizione popolare, anche loro illogici, reali­sticamente incerti, in una parola: surrealisti. Forse il destino di tutti i proverbi, come Eluard scorge alla fine della collezione, e proprio “vivere d’errori e di pro­fumi”.

Paul Éluard & Benjamin Péret. Proverbi Surrealisti. A cura di Antonio Castronuovo. Millelire, Stampa Alternativa, 1999.

 

Si può scaricare liberamente in formato PDF (7MB). Scarica il PDF

Lewis Carroll. Logica fantastica

Lewis Carroll, Logica fantasticaI sillogismi di Lewis Carroll – nome d’arte del professor Charles Lutwidge Dodgson (1832-1898), autore fra l’altro di Alice nel Paese delle meraviglie – non sono quelli di un comune manuale di logica. Sono assurdi, ricchi di situazioni inaspettate, da leggere per il gusto di correre con l’autore verso la libertà totale dell’immaginazione.

Se il lettore vorrà stare al gioco di Carroll fino in fondo e risol­vere i quesiti, vedrà che si affineranno le sue armi logiche. E an­che a non volerli risolvere, non potrà evitare che si allunghino le braccia della sua fantasia.

 

Lewis Carroll. Logica Fantastica. A cura di Carla Muschio. Millelire, Stampa Alternativa, 1998.

 

Si può scaricare liberamente in formato PDF (15MB). Scarica il PDF

Elena Guerrini. Orti Insorti

Orti Insorti Quando e come e meglio seminare il basilico? Aveva ragione il nonno, o il manuale “L’orto per­fetto in 7 giorni”, o la Ines, la vicina, la quale dice che la luna deve essere sempre calante e i semi co­perti, o le formiche che dei semi di basilico si sono cibate? Le risposte e tanto altro per riannodare il legame spezzato con la natura, rispettare l’ambiente, in­quinare di meno e coltivare quello che si mangia.

 

Elena Guerrini. Orti Insorti. Millelire, Stampa Alternativa, 2009.

 

Si può scaricare liberamente in formato PDF (19MB). Scarica il PDF

Tom Robbins. Lo scopo della luna

Lo scopo della lunaMarilyn Monroe e Vincent van Gogh. Un semplice divertissement che racchiude tutta la sua grottesca comicita nell’affaire amoroso tra due dei piu grandi miti del nostro secolo tragicamente scomparsi dopo una vita spesa a inseguire l’Amore. Nove-variazioni-nove sul tema: chi sa far perdurare l’amore?

Thomas Eugene Robbins (nato il 22 luglio 1932 a Blowing Rock, North Carolina) è romanziere e saggista americano noto per il suo stile da “commedia-dramma”, arrivato al successo soprattutto con Even Cowgirls Get the Blues e la relativa versione cinematografica firmata da Gus Van Sant (1993). Amico di Terence McKenna e Timothy Leary, ha scritto variamente di psichedelici, tra cui Il fungo magico. A 87 anni vive a Seattle, nello Stato di Washington.

Tom Robbins. Lo scopo della luna. Traduzione e cura di Luca Ferrari. Millelire, Stampa Alternativa, 1994.

Si può scaricare liberamente in formato PDF (12MB). Scarica il PDF

Yukio Mishima. Ali

Ali - Mishima«Ali, II pino della Hama Rikyu e Cruciverba (1951-2) sono opere che presentai in occasioni diverse, mentre tentavo di perfezio­nare il métier del racconto. Ali ha come sottoti­tolo “una storia alla Gautier”, e racconta favo­listicamente l’esperienza dolorosa di un giova­ne che sopravvisse suo malgrado, durante e dopo la guerra, alla morte dell’amata. Pensai d’aver scritto con molta sincerità di me stesso, in questo genere di racconti. Invece, a quel tempo, nessuno si accorse della mia confessione. Probabilmente era la conseguen­za di essere sempre apparso agli altri come chi non vuole mai dire nulla di sé.»
–YM

Yukio Mishima (pseudonimo di Kimitake Hiraoka, 1925-1970) è stato noto scrittore e dramma­turgo alla ricerca di un’estetica quasi decadente basata sugli ideali di un Giappone ormai passato. Si è tolto la vita pub­blicamente con un clamoroso “seppuku”, l’antico e rituale suici­dio giapponese.

Yukio Mishima, Ali. A cura di Tomoko Senoo. Millelire, Stampa Alternativa, 1992.

Scarica il PDF

Si può scaricare liberamente in formato PDF (24MB).

 

Roland Topor. Alice nel paese delle lettere

RolandTopor_AliceNel Paese delle Meraviglie puo succedere che le lettere di un libro se ne scappino via e lascino le pagine bianche. Quale sara il loro destino? Per saperlo, Alice si infila sotto la bi­blioteca e le segue…

Con tratto originalissimo, Topor ci rac­conta solo una fiaba, pubblicata per la prima volta nel 1968, che è anche metafora della rivolta studentesca di quegli anni. Una fiaba “crudele”, una fiaba che è un piccolo canto di rivolta contro ogni tipo di tirannia.

Roland Topor (1938- 1997) è stato soprattutto un disegnatore satirico e illustratore, ma anche romanziere e sceneggiatore, francese di origini polacche.

Roland Topor, Alice nel paese delle lettere. Dall’altra parte della pagina. Millelire, Stampa Alternativa, 2000.

 

Si può scaricare liberamente in formato PDF (22MB). Scarica il PDF

 

 

Stendhal. Guida ad uso di chi viaggia in Italia

Stendhal: Viaggio in Italia

“Malgrado una febbre assai fastidiosa, il mio vecchio amico, il brillante e spiritoso B…,  mi detta cinquanta pagine di itinerario a mio uso. Con questo prezioso viatico in tasca, ci abbracciamo e mi augura di fare buon viaggio”.

Così scrive Romain Colomb (1784-1858), cugino di Heny Beyle, il signor Stendhal, di cui poi divenne esecutore testamentario e che ebbe una parte fondamentale nella salvaguardia e nella pubblicazione delle sue opere.

Chi volesse riscoprire, attraverso gli occhi di un così grande conoscitore dell’Italia,luoghi e città, potrebbe tutt’oggi seguire molti dei consigli che Stendhal fornì a suo cugino Romain Colomb che nel 1828 visitò il Paese.

Stendhal. Guida ad uso di chi viaggia in Italia. Millelire, Stampa Alternativa, 1989.


Si può scaricare liberamente in formato PDF (25MB).

Scarica il PDF

 

Snatch Comix. Hello ’69

Snatch ComixDall’America degli anni Sessanta, il cosidetto ‘fumetto underground’, purtroppo quasi ignorato dalla lingua italiana, divertì invece migliaia di persone, da Katmandu a Londra, da Amsterdam all’East Village o a Marrakesh. Ma fu in primo luogo la California testimone di eclettiche quanto radicali esplorazioni nel campo della vita comunitaria, delle droghe, della comunicazione e dell’arte.

Snatch vide per la prima volta la luce nelle strade di San Francsco nel 1968 in edizione tascabile, e ne uscirono tre numeri in un eccezionale crescendo. In Snatch confluirono, sotto una ricca e ironica serie di pseudonimi, i maggiori cartoonist dell’underground americano. Robert Crumb è indubbiamente il più noto, seguito da S. Clay Winston, senza trascurare Rick Griffin e Victor Moscoso.

La creatività anarchica di questi ragazzi non venne certo frenata dalla censura. Nonostante gli attacchi di giudici e polizia, le copie circolarono un po’ ovunque attraverso la distribuzione rapida e alternativa, non ottemperando ad alcuna norma di legge sulla stampa.

Snatch Comix. Hello ’69. A cura di Gian Domenico Iachini. Millelire, Stampa Alternativa, 1993

Si può scaricare liberamente in formato PDF (33MB). Scarica il PDF

Benjamin Tucker. Copia pure

B. Tucker, Copia pureLo Stato, per Tucker, non è altro che il più grande dei monopoli criminali e tirannici, e le leggi sui brevetti e sui diritti d’autore i mezzi tramite i quali garantisce a pochi dei privilegi speciali e monopolisitici a spese di molti.  In questi saggi, l’autore ed editore americano Bejnamin Tucker (1854-1939) mette a nudo la realtà delle leggi sul copyright: lacci e lacciuoli imposti alla creatività umana, come confermano la nuove tecnologie, Internet in testa. E conclude che, paradossalmente, solo il diritto di copiare può garantire genuinamente progresso e competizione.

Copia pure: il diritto di copiare nei saggi dell’anarchico Benjamin Tucker. A cura di A. Mongardi e G. Piombini. Millelire, Stampa Alternativa, 2000.

Si può scaricare liberamente in formato PDF (25MB). Scarica il PDF

Corleone. Giustizia Senza Fine

Franco Corleone, Giustizia senza fineLa giustizia è venuta prepotentemente alla ribalta della scena politica. Terreno incessante di confronto e scontro. La giustizia come metafora della vita, individuale e collettiva, delle sue contraddizioni. L’abolizione dell’ergastolo e la chiusura degli ospedali psichiatrici, le droghe e il carcere, la soluzione degli “anni di piombo”, costituiscono l’ineludibile termine di paragone tra riforma e ordinaria amministrazione.

Questo Millelire raccoglie articoli scritti tra il 1996 e il 1998, dal punto di vista degli ultimi e degli esclusi, per tentare di immettere un supplemento d’anima, di dare un fine di umanità alla politica.

Franco Corleone. Giustizia Senza Fine. Prefazione di Adriano Sofri. Millelire, Stampa Alternativa, 1998.

Si può scaricare liberamente in formato PDF (53MB). Scarica il PDF