HOME > ARCHIVIO LETTERA 22 > COCCODRILLI E CAIMANI
 
  COCCODRILLI E CAIMANI

Mannaggia, a leggere il “Corriere della Sera”, alla megagalattica fiera del libro di Francoforte, piangono tutti, almeno quelli di cui parla l’inviato Dino Messina.
Piange Marco Polillo il nuovo capo dell’AIE (Associazione Italiana Editori) molto più di quello che faceva il suo predecessore Motta. Il governo – piange Polillo – non ha mantenuto fede ai suoi impegni in campo editoriale, facendo finta di non sapere che il problema di nuovi lettori e di vendere più libri non sta in un’elemosina governativa ma nella qualità delle proposte editoriali. Se continuano gli editori dell’AIE a proporre, salvo luminose eccezioni, spazzatura e nulla letterario, allora stia pur certo Polillo, che continuerà a oltranza lo sciopero dell’acquisto da parte di cittadini che non ne possono più di Faletti, Tiziano Ciabatta, Straricco, sebbene qualche scalata di classifica faccia intendere il contrario. Ma le classifiche come i sondaggi, spesso si riducono a essere solo materia per futuri provvedimenti giudiziari.
E piange accidenti se piange, Stefano Mauri, uno dei grossi editori. Lui piange perchè, a proposito dell’e-book, Mondadori sta tramando con Telecom per una piattaforma digitale e lui, poverino, resta fuori dalla porta di Bernabè, il capo di Telecom.
Lacrime di coccodrillo, soprattutto versate da un navigatore di lungo corso nell’editoria di peso. Fa finta di non sapere di che pasta è fatto il Caimano Berlusconi, già dal modo in cui si è impadronito di Mondadori e come si è presentato a Segrate per parlare solo del suo ...


 
   
(Pagina 1 di 2)
  
 
 
 

Nuovi Equilibri Srl in liquidazione - via Ripagretta 6 - 01016 Tarquinia - C.F. e P. IVA 01554950566 | Privacy Policy